accesso  Email:   Password:       LND feed RSS  Lnd Facebook  Lnd Twitter  Lnd Youtube  icona

  home personale    logout LND feed RSS  Lnd Facebook  Lnd Twitter  Lnd Youtube icona

Versione per la stampa

Nato dalle ceneri del Campionato diPromozione interregionale, disputato dal 1948 al 1952, il campionato di"Quarta Serie" su scala nazionale prende il via nella stagione 52/53.Le prime squadre promosse nella nuova categoria sono il Carbosarda, ilCatanzaro, il Lecco e la Carrarese. Il campionato viene gestito dalla Lega Nazionale Semiprofessionisti, con sede a Firenze. Nel 1956/57, il torneo di viene scisso in due campionati distinti (I e II). Ma lariforma dura un solo anno. Nel 1957 si cambia di nuovo: vengono composti 3 gironi di "prima serie" e otto gironi di "seconda serie".

Anche questa riforma conosce breve fortuna. Nel 1958 si torna alla Quarta Serie, che dal 1959/60 prende a chiamarsi Serie D. Il campionato viene suddiviso in 6 gironi e così rimane fino al 1966/67, sotto l'egida della Lega Nazionale Professionisti.

Nella stagione 1967/68 laSerie D (composta di nove gironi) torna ad essere gestita dalla Lega diFirenze, fino alla riforma del 1978/79 che vede la nascita del campionato di Serie C, suddiviso in C1 e C2 (oggi Prima e Seconda Divisione della Lega Pro). Le cose cambiano ancora nel 1980. La Serie D passa sotto la gestione della Lega Nazionale Dilettanti di Roma, affidando al neonato Comitato Nazionale per l'Attività Interregionale l'organizzazione del torneo, denominato Campionato Interregionale. Vengono composti 12 gironi, formati da 16 squadre, con una promozione e tre retrocessioni per girone.

Trascorsi 10 anni s'impone una nuova ristrutturazione. Nel 1990/91 i gironi sono ancora 12 ma a 18 squadre. Soltanto 6 le promozioni, mentre le retrocessioni sono altrettante ma per girone. La stagione seguente i gironi sono 10 e le promozioni diventano solo cinque per effetto degli spareggi. Le retrocessioni scendono a cinque per girone.

Nel giro di due anni le squadre partecipanti al Campionato Interregionale passano da 216 a 162. Cambia anche il nome che diventa Campionato Nazionale Dilettanti (CND), con una promozione e quattro retrocessioniper girone.

Nel 1999 si cambia ancora. Scompare la denominazione CND e si torna al vecchio nome, certamente più affascinante, Serie D.