accesso  Email:   Password:       LND feed RSS  Lnd Facebook  Lnd Twitter  Lnd Youtube  icona

  home personale    logout LND feed RSS  Lnd Facebook  Lnd Twitter  Lnd Youtube icona

03/05/2013

ANDES
L'Associazione per i Delegati alla Sicurezza opera in Italia dal 2007

A.N.DE.S. (Associazione Nazionale Delegati alla Sicurezza) nasce a Bologna il 27 luglio 2007, dopo una lunga gestazione iniziata nel 2002 ad opera di alcuni "addetti ai lavori" che sentivano la necessità di coordinarsi tra loro per far fronte alle comuni problematiche di gestione della sicurezza negli stadi. La spinta finale per la sua fondazione si è concretizzata durante il primo corso di formazione per delegati organizzato dal C.O.N.I., tenutosi a Roma nel giugno 2007.

A seguito dell'emanazione del decreto ministeriale 8 agosto 2007, la figura del delegato alla sicurezza acquista un ruolo di maggior rilievo nella filiera della sicurezza e, in qualità di rappresentante della società calcistica, ha il delicato compito di fare da anello di congiunzione tra gli spettatori (tifoserie) e la società stessa.

Le funzioni che il delegato è chiamato a svolgere sono tutte quelle attività finalizzate alla tutela dell'incolumità degli spettatori durante le partite di calcio ("safety"), sia in condizioni ordinarie che in situazioni di emergenza. Queste attività, che comprendono il manteinimento delle condizioni di sicurezza, la salvaguardia degli atleti, etc., sono regolate da leggi e decreti ministeriali che trovano attuazione tramite interventi strutturali sugli impianti sportivi e l'organizzazione di un adeguato nucleo di operatori (steward e addetti agli spettacoli) che, grazie al coordinamento del delegato alla sicurezza, riescono a permettere che la manifestazione si svolga in modo sicuro. L'insieme di tutte queste operazioni contribuisce in modo determinante a migliorare le azioni di controllo per la salvaguardia dell'ordine pubblico ("security") la cui competenza ricade sulle Forze dell'Ordine.

Tra i primari obiettivi che A.N.DE.S. intende perseguire vi è quello di favorire la diffusione della cultura della sicurezza negli impianti sportivi nonchè svolgere attività didattiche per l'avvio, l'aggiornamento, e il perfezionamento delle attività e delle mansioni del delegato alla sicurezza.

A tale scopo A.N.DE.S. ha costituito una scuola di formazione (accreditata presso l'Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive) ed organizza periodicamente dei momenti di aggiornamento per i propri soci, consapevole di quanto sia importante per il delegato alla sicurezza il costante aggiornamento (tecnico e normativo) di un mondo, quello della sicurezza, che è sempre in continua evoluzione. Vengono organizzati inoltre corsi di formazione per delegati alla sicurezza, sovente con il patrocinio e la collaborazione delle più importanti istituzioni sportive a livello nazionale.

Tra gli altri obiettivi c'è quello di favorire lo scambio e la condivisione di esperienze comuni tra gli associati e le omologhe associazioni (anche extra-nazionali), promuovere presso gli organismi nazionali il riconoscimento e la tutela della figura del delegato alla sicurezza e definire e coordinare attività e iniziative idonee al perseguimento degli scopi sociali. Anche per queste finalità, mette a disposizione delle Istituzioni il bagaglio conoscitivo dei propri soci, favorito altresì dai Congressi Nazionali organizzati con cadenza semestrale, contribuendo così alla ricerca di soluzioni attuative finalizzate al recupero degli stadi italiani come luoghi di spettacolo sportivo, fruibili da un pubblico il più possibile eterogeneo e numeroso.

Dal 2009 è associata all'Ente Nazionale Italiano di Unificazione (UNI) e membro della Commissione Tecnica UNI 61 Impianti Sportivi.

Ad oggi A.N.DE.S. rappresenta l'82 % dei delegati delle società calcistiche italiane. Nello specifico raccoglie in sè il 90% dei delegati della Lega Nazionale Professionisti di Serie A, l'82% dei delegati della Lega Nazionale Professionisti di Serie B e il 79% dei delegati di Lega Pro (1° e 2° divisione); alcuni di loro svolgono la propria attività anche su campi dilettanti ed altri mondi sportivi (basket, pallavolo, rugby, etc.). Si è imposta un codice deontologico ed al fine di diffondere la cultura della sicurezza negli impianti sportivi, si propone di trasformare il panorama delle manifestazioni sportive da arena a teatro portando su un piano concreto il concetto di sicurezza partecipata.